Luna Piena di venerdì 13: tra superstizione e scienza

Attualità
Isernia venerdì 13 settembre 2019
di Eliana Ronzullo
Luna del Raccolto
Luna del Raccolto © web

ISERNIA. La Luna del Raccolto o (Harvest Moon) farà la sua comparsa oggi, in un “sinistro venerdì” 13 settembre.

Per i più superstiziosi, potrebbe rappresentare un giorno non proprio fortunato, dato che è estremamente raro che una Luna così speciale coincida con tale data.

L’ultima volta che si è verificato questo evento astronomico in coincidenza con venerdì 13 è stato nel 2014, cinque anni fa. Si verificherà poi solo nel 2049 (tra 30 anni).

La Luna piena del mese di settembre normalmente prende il nome di “Luna del Grano”, ma quest’anno, a causa della vicinanza all’equinozio di autunno, si chiama Luna del Raccolto.

Il suo nome arriva dai nativi americani, che la chiamavano così perché sorgendo prima rendeva le notti più luminose.

Storicamente rappresentava un grande aiuto per i contadini che raccoglievano le colture estive prima della stagione autunnale, nonostante la riduzione dell’ore diurne.

Infatti, ciò che rende la Luna del Raccolto speciale è proprio quella di avere l’alba anticipata.

Solitamente il nostro satellite sorge in media 50 minuti dopo ogni notte, ma la Luna del Raccolto sorge solo 30 minuti dopo il giorno precedente poiché intorno all’equinozio d’autunno l’orbita del nostro pianeta è “più parallela all’orizzonte”, e raggiungerà il suo picco alle 6.33 (ora italiana) del 14 settembre.

Tutto ciò prevede che per alcuni giorni dopo la sua iniziale comparsa, il satellite sorga subito dopo il tramonto del sole creando un imperdibile e romantico chiaro di luna all’inizio della serata. L’astro sarà caratterizzato da un colore giallo, dorato e rossiccio.

Questa Luna è quella più vicina all’equinozio di autunno, che quest’anno sarà astronomicamente il 22 settembre alle 9.50 (ora italiana), quando le ore del giorno eguaglieranno quelle della notte.

Come si lega tutto questo con un venerdì 13 carico di superstizioni negative?

Non si lega, anzi, forse ci aiuterà a liberarci di alcune superstizioni che nulla hanno a che vedere con la scienza e nemmeno con la religione.

L’estate sta volgendo al termine e con essa le notti più confortevoli per gustare uno spettacolo davvero mozzafiato che vede coincidere il nostro satellite in tutto il suo splendore, in una data così particolare.