Al Castello svevo l’arte pittorica internazionale di Helena Manzan

Cultura
Isernia lunedì 28 ottobre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Al Castello svevo l’arte pittorica internazionale di Helena Manzan
Al Castello svevo l’arte pittorica internazionale di Helena Manzan © Termolionline.it

TERMOLI. Il 3 novembre presso il Castello Svevo, l’artista Brasiliana, Helena Manzan inaugura la sua mostra di pittura “Archetyp Art Mundo" a cura di Antonio Picariello che avrà una durata di 15 giorni. Apertura e taglio del nastro, dalle ore 18.

Helena Manzan
Nata nel 1960, in Brasile.
Vive e lavora a Castel San Vincenzo, in Italia e in Brasile

Manzan ha visto il cambiamento dal mondo analogico fino alla silenziosa ricerca archetipica. La parola "namastié" impartisce la potenzialità magica del riconoscimento dell'anima: "La mia anima riconosce la tua anima". In questa sensata galassia della percezione magica l'archetipo del respiro interiore (amazzonico) si trasferisce nell'incontro di "Iadvise you" e l'opera d'arte che ti include. Riguarda l'arte sacra e come l'ululato interiore dell'artista brilla davanti alla coscienza sincrona degli altri, che respira il lavoro sublime creato da un'ipnotica e alta condizione all'interno della quale il potere creativo del fuoco centrale dell'artista è posto da un'automatizzazione magica. La dimensione sensibile, tradotta in espressività notata, non usa strategie storiche o formulazioni scientifiche, ma semplicemente trasmette l'esclusivo linguaggio unico usato per decodificare i segnali dell'arte. In questo modo l'opera d'arte si esprime alla predisposizione e all'armonia modellata dall'anima di coloro che ricevono attraverso la lente il delicato messaggio vitale archetipico emesso da Helena Manzan. (Critico, Antonio Picariello che sarà anche il curatore della mostra.)

HELENA MANZAN, nata in Brasile, Minas Gerais, il 3 aprile 1960, da padre veneziano e madre brasiliana.
Laureato in Accademia d'arte presso l'Università Federale di Uberlandia, (MG) Brasile, con specializzazione in programmazione visiva.
Dalla fine degli anni '90 inizia a esporre in America e in Europa.
Dal 2002 si trasferisce definitivamente in Italia dove vive e lavora.
Manzan ha tenuto numerose mostre in Brasile e in Italia, a New York, Londra, Lisbona, Belfast, Siviglia, Novosibirsk. Artista presente alla 54a edizione della Biennale di Venezia, dal 4 giugno al 27 novembre 2011.

Formazione scolastica:

1980 Music Conservatory Cora Pavan Caparelli, Uberlnadia, Brazil.

1991 Università delle Belle Arti Università federale di Uberlandia, Brasile.

1993 Università delle Belle Arti Università federale di Curitiba, Brasile.

1996 Iniziazione scientifica, CNPQ, Università Federale di Uberlandia. Brasile.

2006 Specializzazione in pittura, Accademia di Belle Arti di Napoli Napoli, Italia.

mostre:

_2019 “Archetyp’Art 1 Helena Manzan , by Antonio Picariello, Galleria Olmastroni, Palazzo Patrizi, Siena. Italy.

_2019 AVA Art festival. Enokojima Art Center, Nishi-Ku. Osaka. Giapan.

_2019 BELA - Biennale di arte contemporanea europea e latinoamericana

Rio de Janeiro, Brasile.

_2019 The Engine Room Gallery, Belfast. Irlanda del Nord.

_2018 Triennale di arte grafica di Novosibirsk, Museo statale di Novosibirsk, Russia.

_ 2018 Installation, “Sentiero di luci” Campitello Matese, Molise Italy.

_2017 “Sogno e realtà”, La Nuvola Gallery, curated by Eva Belline, Rome, Italy.

_ 2017 Paolo Levi International Award. Palazzo Clerici, Milao, Italy.

_2016 Biennale International Art Meeting, Milao, Italy.

_2015 Palermo International Art Biennale, Palazzo Sant’Elia. Palermo, Italy.

_2014 “Spoleto Incontra Venezia”, Palazzo Falier, Venice, Italy.

_2013 “Archetyp'Art Araguaia”, Elizabeth Nasser Gallery, Uberlandia, Brasile.

_2012 Novosibirsk Stat Art Museum, Triennale internazionale contemporanea, Novosibirsk, Russia.

2012 Energia animale, testo di Antonio Picariello. Università Federale di Uberlandia, Brasile.

_2012 “Labirinto e saudade della creazione magica”. Edited by Antonio Picariello. Leonardo Da Vinci Airport. Fiumicino, Italy.

_2011 Padiglione Italia, 54 Biennale di Venezia. A cura di Vittorio Sgarbi. Italia.

_2010 Back to Italy. By Luca Beatrice. MACI – Contemporary Art Museum of Isernia, Italy.

_2009” Energia Animal”, edited by Antonio Picariello. Monastery of San Vincenzo al Volturno, Italy.

_2007 Novosibirsk State Art Museum, Biennale Internazionale del Contemporaneo, Siberia, Russia.

_2006 “Minimalia”. Galleria L’Atelier. Naples, Italy.

_2005 “Isart” MACI – Museum of Contemporary Art of Isernia, Italy.

_2005 “Brasilia 45 Anos”. Plenaria della Camera dei deputati. Brasile.

_2004”La Luce della Ruota”. Palazzo Annunziata, Naples. Italy.

_2003 Rose's Choise. Museo Internazionale della Musa, Scontrone. Italia.

_2002 “Color of Brazil”, Palace Annunziata, Sulmona. Italiy.

_2002 Agazzi Award 2002 “, Bergamo. Italy.

_2001 Art Expo. Javits Convention Center. New York. (NY)

_2001 Friuli nel mondo, Fogolâr Furlan. Roma. Italia.

_2000 Cheese AL Saints 'Church. Roma, Italia.

Collezione:

_Novosibirsk State Art Museum, Russia.

_ Fondazione Edson Queiroz, Fortaleza (CE) Brasile.

_ International Museum of the Muse, Scontrone. Italy.

_ San Martino Church, Castel San Vincenzo, (IS) Italy.

_ Prefecture of Santa Vitoria, Brazil.

_Edson Arantes do Nascimento, (Pelè). Rio de Janeiro, Brasile.

_MACI Contemporary Art Museum of Isernia.Italy.

Una mostra che assume il colore della natura e che vuol lanciare un grido di dolore nella consapevolezza che la natura è degna regina indiscussa della vita e, va preservata senza schemi, idiomi o paternità politiche che, a seconda della fase evolutiva dell’essere, si contrappone ad ogni via di uscita.

Una mostra che vedrà il culmine con l’arrivo in Italia della emittente TV GLOBO, una delle emittenti più importanti del Sud America. L’emittente arriverà in Molise il 15 novembre per documentare le bellezze delle opere dell’artista in un contesto, il Molise, che della biodiversità ed ambiente, essendone ricco, dovrebbe farne una bandiera ed invece diventa padrone di azioni indiscriminate quali parchi eolici, centrali turbogas e progetti che minano la bellezza incontrastata della montagna. Con i suoi quadri, Helena mette a fuoco colori della vita e di un mondo che rispecchia la missione dell’uomo , quella della Vita. La mostra , dal titolo “Archetyp’ Art Mundo”, verrà allestita in tutto il Mondo a partire Helsinki, Belfast, Berlino, Rio de Janeiro a partite dal marzo 2020.