A Isernia la 68esima Giornata regionale del ringraziamento di Coldiretti

Flash News
Isernia venerdì 07 dicembre 2018
di La Redazione
locandina
locandina © Iserniaweb.it

ISERNIA. E’ tutto pronto ad Isernia per la celebrazione della 68ma Giornata regionale del Ringraziamento: il tradizionale appuntamento nel corso del quale il mondo agricolo rendere grazie per il raccolto dei campi e chiede la benedizione sulla nuova annata. Inserita nel calendario liturgico della Cei, quest’anno la Giornata del Ringraziamento, celebrata in campo nazionale lo scorso 11 novembre, in Molise si terrà domenica 9 dicembre, nella suggestiva cornice della Cattedrale San Pietro Apostolo ad Isernia. A celebrare la Santa Messa, alle ore 10.30, sarà il Vescovo della diocesi di Isernia-Venafro Mons. Camillo Cibotti.

Nel messaggio della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, i vescovi, hanno indicato la necessità di “un’agricoltura contro la diseguaglianza”, denunciando “il modello di industrializzazione imposto dal pensiero neoliberista e mercantilista, evidente nel sistema economico-finanziario globale attuale”. Sotto accusa sono dunque finiti anche i “processi di omologazione globale dei mercati agroalimentari che hanno mortificato quel contributo delle diversità culturali”.

La Giornata avrà inizio alle prime ore del mattino con l’arrivo dei mezzi agricoli che si posizioneranno davanti alla chiesa. Seguirà la Celebrazione Eucaristica all’interno della quale un momento particolare sarà dedicato all’offertorio quando verranno portati all’altare i frutti della terra, provenienti da tutte le realtà produttive della regione.

Inoltre, dinnanzi al sagrato della chiesa, le aziende aderenti a Campagna Amica Coldiretti, allestiranno un agribuffet con gli ottimi prodotti a km 0 in vendita all’Agrimercato di Campagna Amica a Campobasso e nei mercati all’aperto che periodicamente vengono allestiti sul territorio regionale. La manifestazione si concluderà con la benedizione, da parte del Vescovo, dei mezzi agricoli disposti dinnanzi alla Cattedrale.