Consiglio regionale al Governo: nomini Toma commissario ad acta

Politica
Isernia venerdì 09 novembre 2018
di La Redazione
Toma in Consiglio regionale
Toma in Consiglio regionale © Termolionline.it

CAMPOBASSO. Presieduto dal Presidente Salvatore Micone si è riunito oggi il Consiglio regionale. In apertura di seduta il Presidente della Giunta regionale, Donato Toma, è intervenuto per rappresentare i contenuti di una relazione preparatagli dal Direttore regionale generale per la Salute, Lolita Gallo, e dal Direttore generale dell’ASREM, Gennaro Sosto, circa le criticità rilevate nel settore della sanità molisana relative alla mancata nomina del Commissario ad acta. “Volevo –ha detto il Presidente Toma a commento della relazione - che il Consiglio prendesse atto di queste criticità e comprendesse l'importanza della mia azione, anche a livello mediatico, nei confronti del Consiglio dei Ministri, cui spetta nominare il Commissario ad Acta per la Sanità molisana”.

Il Consigliere Antonio Tedeschi ha quindi chiesto di discutere, come primo punto nell’ordine dei lavori, un Ordine del Giorno a firma sua e dei Consigliere Romagnuolo A., Romagnuolo N.E., Matteo, Iorio, Calenda, Pallante, Micone, avente ad oggetto: “nomina urgente del Commissario ad acta per il Piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Molise”. Hanno espresso voto contrario all’iscrizione dell’argomento all’ordine del giorno e per l’immediata discussione i Consiglieri Greco, De Chirico, Fontana, Primiani, Manzo e Nola. Nel dibattito sull’iscrizione e sul merito della proposta di atto di indirizzo (che è stata illustrata all’Aula dal primo firmatario Tedeschi) sono intervenuti, oltre al Presidente della Regione Toma, i Consiglieri Greco, Fanelli, Primiani, Di Lucente, De Chirico, Romagnuolo N.E., Calenda, Romagnuolo A., e Nola.

L’Ordine del Giorno è stato quindi approvato a maggioranza, con i voti contrari dei Consiglieri Greco, De Chirico, Fontana, Primiani, Manzo e Nola. In particolare con l’atto di indirizzo approvato il Consiglio regionale, ricorda come la legge 232 del 2016 consenta ai Presidenti di Regioni di ricoprire anche il ruolo di Commissario ad acta per la sanità in presenza di piano di rientro, così da far coincidere i due ruoli allo scopo di risaltare le prerogative spettanti in materia sanitaria alla Regione. Si sottolinea poi che, dall’insediamento di questa Legislatura, sono trascorsi sette mesi senza che sia stata individuata da parte del Governo centrale la figura del Commissario ad acta. Si rilevano anche le criticità causate dall’assenza della figura del Commissario ad acta, evidenziate anche dai Direttori generali della Salute e dell’Asrem, così come riportate dal Presidente Toma nel suo precedente intervento sul tema. Tanto premesso l’Assemblea consiliare con l’OdG impegna “il Presidente della Giunta regionale del Molise a porre in essere ogni atto utile, ivi comprese diffide e/o messe in mora, nei confronti del Governo centrale, in tutte le sue espressioni, tendente a porre fine alla situazione di paralisi in cui versa la sanità molisana, nominando con la massima urgenza il Commissario ad acta, già individuato nella figura del Governatore Donato Toma ai sensi della legge 232/2016”. Il Consigliere Aida Romagnuolo ha chiesto ed ottenuto dall’Aula l’iscrizione, tra gli argomenti in esame oggi, e la sua immediata discussione, di un Ordine del Giorno a sua firma riguardante l’ “Istituto Tecnico Agrario “San Pardo” di Larino”.

Dopo l’illustrazione del provvedimento da parte dello stesso Consigliere Romagnuolo A., sono intervenuti nel dibattito per esprimere il proprio apprezzamento all’atto di indirizzo o per rilevare perplessità sulla competenza diretta dell’Assise sulla questione, i Consiglieri Manzo, Fontana, Nola, Cefaratti e Greco. L’OdG è stato quinti approvato con l’astensione dei Consiglieri Cefaratti, Manzo, Matteo e De Chirico. In particolare l’Ordine del Giorno rileva come siano state inoltrate da parte dell’Istituto Superiore “Pilla” di Campobasso istanze per la variazione dell’indirizzo del proprio istituto agrario da professionale, a tecnico, per il settore tecnologico, Agraria, Agroindustria, Agroalimentare. Si evidenzia quindi che l’Istituto Tecnico Agrario “San Pardo” è l’unico in tutta la regione con una propria azienda agraria, con un frantoio per la molitura delle olive per lo studio di caratterizzazione degli olii monovarietali delle varietà autoctone molisane, con un caseificio sperimentale, con molteplici laboratori e con una storia molto prestigiosa alle spalle.

Di qui la considerazione che l’eventuale presenta di un altro istituto tecnico agrario a pochi chilometri di distanza determinerebbe un calo significativo delle iscrizioni all’istituto di Larino, da un bacino di per sé poco consistente. Pertanto il Consiglio regionale con l’atto di indirizzo votato impegna il Presidente della Giunta Regionale del Molise, “al fine di evitare che ci sia una duplicazione degli indirizzi, a salvaguardare e a tutelare l’unicità del prestigioso Istituto Tecnico Agrario “San Pardo” di Larino, che rappresenta la storia e l’identità di un territorio”. Infine, dopo l’illustrazione dell’argomento da parte del Relatore, Consigliere Tedeschi, l’Assemblea consiliare ha approvato, con l’astensione dei Consiglieri Greco, Primiani, Manzo e Nola, la “Variante generale al vivente regolamento edilizio e Piano regolatore generale di Pescopennataro”.