Aria di serie D allo stadio Cannarsa: Cesena-Olympia Agnonese 2-1

Calcio
Isernia mercoledì 30 gennaio 2019
di Michele Trombetta
Più informazioni su
L'Olympia Agnonese
L'Olympia Agnonese © Termolionline.it

TERMOLI. Si torna a respirare la serie D a Termoli, ma solo perché al Cannarsa hanno giocato il recupero due formazioni di categoria.

Partita quasi da testa coda quella che si è disputata mercoledì allo stadio Cannarsa di Termoli tra la blasonata Cesena e la molisana Olympia Agnonese: un primo tempo dove gli ospiti romagnoli hanno preso in mano le redini dell'incontro, dando subito l'impressione di voler chiudere al più presto la pratica Agnone; infatti, non erano passati nemmeno 4 minuti che dai bianconeri cesenati con un'azione ficcante parte un tiro che, a portiere battuto, sbatte contro il palo alla sinistra di Maraolo, la palla torna al centro dell'area con il portiere ancora a terra, ed è poi stato un gioco da ragazzi per Fortunato far gol a porta vuota.

L’ Agnone, accusa subito il colpo e per diversi minuti appare in balia di un avversario che gioca a memoria e infatti al 17' arriva il raddoppio con Tonelli, moto perpetuo della squadra bianconera, che si porta avanti un pallone con caparbietà, vede il suo compagno Ricciardo appena entrato in area, il quale aggancia e tira, il portiere tocca, ma non basta per evitare il secondo gol.

Partita che sembra già messa in ghiaccio dagli ospiti, ma ecco che l'Agnone cerca un paio di occasioni per creare grattacapi ad Agliardi, ma il risultato non è soddisfacente. Il due a zero sembra così placare anche gli ardori cesenati che controllano senza sofferenze la partita.

Si va al riposo sul 2 - 0 con la sensazione che per i granata non ci sia via di scampo. Invece nella ripresa, dopo un paio di azioni pericolose del Cesena - una sul palo complice anche un’uscita errata del nuovo portiere agnonese Kuzmanovic - ecco che con l'entrata in campo di un ottimo Ancora e di un frizzante Riberio, la partita pende a favore degli Agnonesi che cominciano a spingere decisamente e di contro il Cesena arretra e appare anche stanca; Ancora e Riberio mettono in difficoltà la squadra prima in classifica e proprio una combinazione dei due mette Ribero in condizioni favorevoli per tentare la via del gol con un tiro “violento” che batte il portiere Agliardi e che poi un difensore in scivolata ribadisce in rete, ma il gol è tutto di Riberio.

A quel punto, a 18 minuti dalla fine, la squadra di Foglia Manzillo ha cominciato a credere nell'ormai insperato pareggio e francamente, per come ha messo in ambasce la capolista, sarebbe stato anche strameritato. I molisani ci hanno provato fino alla fine, sempre con azioni che partivano dai piedi di Ancora e Ribeiro, ma i cesenati seppur provati, sono riusciti a portare in porto la vittoria, che li avvicina al traguardo prefissato.

Per l'Agnone, anche se questa sconfitta pesa, qualora dovesse continuare a battersi con questo spirito, il miracolo di una salvezza che oggi appare difficile potrebbe diventare possibile.

Olympia Agnonese-Cesena 1-2 Marcatori: 4'Fortunato (C), 17' Ricciardo (C) ,78 Ribeiro ( O.A)

Olympia Agnonese :Maraolo (46'Kuzmanovic ),Corbo, Mazzarani( 68' Ribeiro), Ricciardi, Albanese, Cassese,Barbato,Salifu,Formuso( 87' Tresor),Nyang,Sorgente(46' Ancora). All. Foglia Manzillo

Cesena: Agliardi, Marfella ( 79' Noce), Vagli,De Fudis,Ricciardo( 70' De Augelis), Alesi,Munari,Ciofi,Benassi( 48'Oliva), Fortunato( 57' Viscomi), Tonelli( 64'Tola). All: Angelini

Arbitro: Nicolini (BS) Ass: Mazzuocollo e De Falco ( Nola)